Il libro dei personaggi letterari


Il libro dei personaggi letterari (dal dopoguerra a oggi) di Fabio Stassi è uno di quei libri al quadrato che non si possono non possedere. L’ho adocchiato per caso qualche giorno fa, dopo aver ripreso i miei turni al CUB – Castello Ursino Bookshop e subito dopo aver cominciato a sfogliarlo ho ceduto alla tentazione, perché è stato proprio amore a prima vista.

Pubblicato da Minimum Fax, casa editrice che – come sapete – amo molto, il volume traccia una storia della letteratura non attraverso i suoi autori, ma attraverso i personaggi frutto delle loro penne. Perché non esistono grandi storie senza grandi personaggi, e i personaggi letterari (molto più dei loro autori) sono veri e propri compagni di viaggio, a volte per una stagione della vita altre per una vita intera. Fabio Stassi imposta una vera e propria galleria di grandi eroi letterari dal dopoguerra ad oggi, in un modo davvero particolare: offre loro la possibilità di raccontarsi a viva voce, di prendere la parola e presentarsi al lettore. Un coro di narrazioni, una partitura inedita, una mappa per ritrovare i personaggi preferiti, quelli che abbiamo amato tanto (da Lolita a Montalbano, da Gabriella ad Harry Potter, dal dottor Zivago a Marcovaldo, da Guglielmo da Baskerville a Evita, da Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento a Daniel Quinn, da Guy Montag a Bube… Passando per Rob Fleming, Don Camillo e Peppone, Dean Moriarty, Alexis Zorba evitanti, tantissimi altri), ma anche un atlante per incontrarne e scoprirne di nuovi. Un dizionario, quindi, con oltre 300 schede dedicate a personaggi anche di recentissima pubblicazione (il volume pesca fra libri editi fino al 2013), una raccolta di racconti nata sopra un treno e come appendice al prezioso dizionario antologico di Gesualdo Bufalino (Dizionario dei personaggi di romanzo. Da Don Chisciotte all’Innominabile, Il Saggiatore) che però si fermava poco dopo la Seconda Guerra Mondiale, una dichiarazione d’amore per la letteratura e, in qualche modo – ci avverte l’autore – «la più vera carta d’identità… perché siamo fatti dei libri che abbiamo letti quanto delle persone che abbiamo incontrato».

Carla

(Il libro dei personaggi letterari. Dal dopoguerra a oggi di Fabio Stassi, Minimum fax, pag. 619, euro 20)

Commenti

Condividi sui social

Leave a reply

required

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>