La reginotta con le corna


Fra le novità che potete trovare al CUB – Castello Ursino Bookshop, adesso, ci sono anche gli albi illustrati con le storie della tradizione siciliana, per come le ha fatte arrivare fino a noi Giuseppe Pitrè. Fra queste, La reginotta con le corna è una fra le più antiche (si pensa che risalga addirittura al Quattrocento).

Illustrato da Carmelo Petronio, l’albo racconta la storia di tre fratelli il cui papà lascia loro in eredità tre mattoni (uno per ciascuno) della casa che un tempo era stata loro. Nel tempo, le difficoltà economiche si fanno sentire e così il fratello più grande decide di andare a cercare fortuna altrove… Prima di andarsene, però, stacca il mattone dalla parete e dietro trova una piccolissima borsa. La borsa, si rivelerà un oggetto magico, che coprirà di ricchezze il giovane finché questi non costruirà un palazzo proprio di fronte al castello del re. Lì una reginotta curiosa, capricciosa e impertinente gli prometterà di sposarlo se lui le rivelerà il segreto della sua ricchezza. Il giovane, però, viene beffato dalla ragazza che lo addormenta col sonnifero e gli sottrae la borsa magica. Tornato a casa, il giovane scopre che anche gli altri due fratelli hanno fatto fortuna, ciascuno grazie a un oggetto magico che il loro padre aveva ben nascosto dietro il mattone che gli aveva lasciato in eredità: un mantello che dona invisibilità e un corno che, se suonato, dà vita a un esercito potentissimo. Prima chiede aiuto al fratello di mezzo e infine al più piccolo. Ma la reginotta, riesce sempre a beffarlo. Disperato il giovane si getta in un dirupo, ma la sua caduta viene interrotta da un albero di fichi scuri (magici anche quelli) e poi ancora da un albero di fichi bianchi (magici e di una magia contraria alla precedente). Adesso sì, che il giovane può tornare dalla reginotta e fargliene vedere delle belle.

Carla

(La reginotta di Giuseppe Pitrè, Splen edizioni, pag.32, euro 12)

Commenti

Condividi sui social

Leave a reply

required

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>